01 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > Emilia
www.unvsemilia.it

In ricordo del gen. Giuseppe Scarani

16-03-2012 10:11 - Emilia
Omaggio ad un grande uomo, un grande ufficiale, un grande partigiano, ad un grande Veterano dello Sport di Parma

La Sezione di Parma era pronta a festeggiare il socio fondatore Giuseppe Scarani per il non lontano compimento dei suoi 100 anni, ma, purtroppo, siamo costretti a rendergli omaggio con un breve ricordo: il generale di Corpo d´Armata, Bersagliere, come amava orgogliosamente definirsi, nato nel 1912, è deceduto pochi giorni fa. Allievo dell´Accademia Militare di Modena , prima, e sottotenente dei Bersaglieri, poi, ha partecipato, allo scoppio della Guerra alle operazioni belliche nei Balcani e dal 1942, con il grado di capitano al comando di una Compagnia, al fronte russo. Qui si merita, nel mese di giugno, una medaglia di Bronzo al V.M., per quanto accaduto a Orlewo-Jwanowka e, nel successivo luglio, la medaglia d´Argento al Valor Militare, per quanto aveva saputo compiere come eroico Comandante ed Ufficiale a Wladimirowka. In tale località rimase ferito, per cui rientra in Italia e qui si trova l´8 settembre, data in cui, come molti altri militari di ogni categoria, Arma o Corpo, non ritiene di poter rimanere a fianco dei tedeschi e decide, tra i primi, di impegnarsi nella lotta partigiana, entrando a far parte del Fronte clandestino della Resistenza, dapprima come "semplice" combattente, poi, come organizzatore della Banda Armata "Giustizia e Libertà" nel territorio bolognese ed, infine, per le eccelse qualità sempre mostrate, Capo di Stato Maggiore del Comando Unico dell´Emilia Romagna (CUMER). Per la sua attività nella Resistenza, non avendo mai dimenticato il suo essere Ufficiale, avendo posto al servizio della lotta clandestina la sua completa preparazione militare, il suo prestigio di decorato al V.M., e, infine, avendo sempre mostrato, con l´esempio ed il rispetto dei doveri, le sue migliori qualità di uomo, ha meritato la promozione straordinaria al grado di maggiore quale "volontario partigiano combattente nella guerra di Liberazione". Dovette subire 120 giorni di carcere duro e non fu condannato a morte, perché, a suo tempo, era stato insignito, proprio dal Comando germanico, di una onorificenza per atti di valore da lui eseguiti. La sua tedesca "Croce di Ferro di II Classe sul campo" lo aveva salvato da una sicura esecuzione! Il suo grande amore per lo Sport lo dimostra già in Accademia, con la cui squadra partecipa ai Campionati Universitari di Rugby. Al termine della 2a guerra mondiale, continua la sua variegata attività sportiva e si piazza 11° ai Campionati Italiani di Pentathlon moderno e diviene, nel 1955, campione Emiliano di Spada. La carriera militare non fu, certo, di ostacolo né alla pratica sportiva diretta, nè alla disponibilità a porre le sue esperienze di organizzatore a vantaggio delle attività dirigenziali sportive svolte. E´ stato fondatore e presidente del "Club Atletico" e presidente della Federazione Provinciale della Caccia di Bologna, consigliere del Rugby Parma, ma sopratutto, per noi Veterani, Fondatore della Sezione di Parma, 45 anni fa, e, più volte, membro del Consiglio Direttivo. Credo che dalla pura esposizione di fatti, comportamenti ed onorificenze si possa ben comprendere quale grande uomo, quale grande ufficiale, quale grande partigiano,quale grande amante dello Sport sia stato il socio Scarani. Quale orgoglio per la famiglia, per i suoi nipoti, i suoi figli Laura e Vittorio, per la gentile consorte, signora Laura. Anche noi della Sezione di Parma siamo fieri di avere avuto nelle nostre fila il Veterano Fondatore Scarani.

Donato Carlucci-consigliere della Sezione di Parma

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account